giovedì 28 marzo 2013

CANTI TRADIZIONALI ITALIANI - La mula de Parenzo (Canto triestino - Testo e note)




   
.....Che cosa significa "tradizione"? Il dizionario ci aiuta dicendoci che è "il complesso delle memorie, notizie e testimonianze trasmesse da una generazione all'altra" (Devoto-Oli, Dizionario della lingua italiana, Le Monnier, 1971)
I canti tradizionali rappresentano una "memoria" del nostro passato che ci aiuta a comprendere meglio le nostre radici culturali. Tradizione come memoria quindi, ma anche come testimonianza delle infinite differenze che percorrono il mondo popolare italiano: differenze che si traducono nei vari dialetti e nei diversi stili musicali che ancor oggi sono patrimonio e segno distintivo delle nostre aree geografiche.
Cantare e suonare queste musiche, divertirsi e imparare con esse: è certamente questo il metodo migliore per farle rivivere e per rendere sempre attuale il loro messaggio.
Incomincio la serie con un canto triestino: La mula de Parenzo (in italiano La ragazza di Parenzo),  è una canzone popolare nota nell'Italia settentrionale. In dialetto bisiaco e triestino (a volte attribuito anche al dialetto veneto), questo pezzo ha radici molto antiche: Parenzo (Poreč in croato) infatti è una città istriana che in passato era abitata per la maggior parte da italiani, quando ancora tali territori erano annessi all'Italia.
Sia il testo che la canzone sono di autori anonimi; esistono più versioni del testo e alcune differenze negli accordi di accompagnamento.
   

  
LA MULA DE PARENZO   
                                                 
La mula de Parenzo leri-lerà
l'hà messo su bottega leri-lerà
de tutto la vendeva
de tutto la vendeva.

La mula de Parenzo leri-lerà
l'hà messo su bottega leri-lerà
de tutto la vendeva
fora ch'el bacalà
perché non m'ami più.

Me piase i bigoî co le luganeghe
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità.
Me piase i bigoî co le luganeghe
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità sul canapè.

La mia morosa vecia leri-lerà
la tengo per riserva leri-lerà
e quando spunta l'erba
e quando spunta l'erba.
Le me morosa vecia leri-lerà
la tengo per riserva leri-lerà
e quando spunta l'erba
la mando a pascolar
perché non m'ami più.

Me piase i bigoî co le luganeghe
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità.
Me piase i bigoî co le luganeghe
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità sul canapè.

La mando a pascolare leri-lerà
nel mese di settembre leri-lerà
e quando vien novembre
e quando vien novembre.
La mando a pascolare leri-lerà
nel mese di settembre leri-lerà
e quando vien novembre
la vado a ritirar
perché non m'ami più.

Me piase i bigoî co le luganeghe
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità.
Me piase i bigoî co le luganeghe
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità sul canapè.

La mando a pascolare leri-lerà
insieme alle caprette leri-lerà
l'amor con le servette
l'amor con le servette
La mando a pascolare leri-lerà
insieme alle caprette leri-lerà
l'amor con le servette
non la farò mai più
perché non m'ami più.

Me piase i bigoî co le luganeghe
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità.
Me piase i bigoî co le luganeghe
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità sul canapè

Se il mare fosse tocio leri-lerà
e i monti de polenta leri-lerà
o mamma che tociade
o mamma che tociade.
Se il mare fosse tocio leri-lerà
e i monti de polenta leri-lerà
o mamma che tociade
polenta e bacalà
perche non m'ami più.

Me piase i bigoî co le luganeghe
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità.
Me piase i bigoî co le luganeghe
Marieta damela per carità.
Marieta damela per carità sul canapè.
   

  
LA MULA DE PARENZO    
Altra versione

I.
La mula de Parenzo
ga messo su botega;
de tuto la vendeva,
de tuto la vendeva.
La mula de Parenzo
ga messo su botega;
de tuto la vendeva,
fora che bacalà!

Perché non m'ami più?

II.
Tutti mi chiamano "bionda"
ma bionda io non sono:
porto i capelli neri,
porto i capelli neri.
Tutti mi chiamano "bionda"
ma bionda io non sono:
porto i capelli neri,
sinceri nell'amor.

Perché non m'ami più?

III.
Sinceri nell'amore,
sinceri negli amanti:
ne ho passati tanti,
ne ho passati tanti.
Sinceri nell'amore,
sinceri negli amanti:
ne ho passati tanti,
e passerò anche te!

Perché non m'ami più?

IV.
La mia morosa xe vecia
la tegno de riserva;
per quando spunta l'erba,
per quando spunta l'erba.
La mia morosa xe vecia
la tegno de riserva;
per quando spunta l'erba,
la meno a pascolar!

Perché non m'ami più?

V.
Se 'l mare fussi tocio
e i monti de polenta,
ohi mama che tociade,
ohi mama che tociade.
Se 'l mare fussi tocio
e i monti de polenta,
ohi mama che tociade,
polenta e bacalà!

Perché non m'ami più?

VI.
Se 'l mare fussi vino
e i laghi de marsala,
tuta la vita in bala,
tuta la vita in bala.
Se 'l mare fussi vino
e i laghi de marsala,
tuta la vita in bala,
polenta e bacalà!

Perché non m'ami più? 

   
LA MULA DE PARENZO
NOTE PER FLAUTO



.

Sta...........................
   

Nessun commento: